Musei in Rete : “Isola dei Musei”


Quattro opportunita' vantaggiose

Un nuovo modo di visitare le più belle opere della Pedemontana del Grappa:

Al Via il Progetto dei Musei in Rete

Offerta speciale:

Weekend nel Triangolo d’ Oro

Uno dei più straordinari comprensori storico-artistici del Veneto si colloca immediatamente a ridosso della Pedemontana del Grappa. Nel giro di pochi chilometri è riassunto un millennio di evoluzione artistica, architettonica e storica. Quattro straordinari luoghi come Asolo, Possagno, Fanzolo di Vedelago e Maser, racchiudono un patrimonio inestimabile di opere d’arte collocate in un territorio ricco di altre attrattive storiche che testimoniano i momenti più importanti dell’arte veneta, dall’epoca romana al Medioevo, dal Rinascimento all’età contemporanea.
Attorno ai quattro siti descritti di seguito, si sviluppano affascinanti centri storici che offrono la possibilità di ammirare stupende ville venete, castelli, chiese e palazzi, come Villa Emo e Villa di Maser realizzata dall’architetto vicentino Andrea Palladio con gli affreschi di Paol0 Veronese e di Giovan Battista Zelotti, il Barco della Regina Cornaro ad Altivole, le Mura e il Duomo di Castelfranco Veneto dove è custodita la Pala di Giorgione e l’antica Torre del Castello degli Ezzelini a San Zenone. Altre testimonianze di arte contemporanea sono conservate a San Vito di Altivole, dove l’architetto Carlo Scarpa realizzò la Tomba Monumentale Brion, e a Riese, dove nacque papa Pio X e dove è conservata intatta la sua casa natale. Sulla sommità del Monte Grappa, è invece visibile lo straordinario Monumento dedicato ai caduti delle Guerre. Tutto il comprensorio della Pedemontana offre, inoltre, percorsi per effettuare passeggiate a piedi o a cavallo che permettono di assaporare le atmosfere di un territorio carico di preziose testimonianze architettoniche che documentano mille anni di storia.

 

IL PROGETTO: per il turista sarà più facile accedere alle strutture e seguire nella sua visita un percorso storico artistico organico e idealmente collegato, grazie al nuovo depliant che riassume in un’unica pubblicazione tutte le informazioni sui 4 musei e presenta le bellezze storiche e architettoniche di quella area del territorio.

Inoltre, il biglietto intero (di validità annuale) acquistato presso una delle quattro realtà museali darà diritto all’accesso con biglietto ridotto alle altre tre.

IL TERRITORIO: si tratta del comprensorio storico-artistici che si colloca immediatamente a ridosso della Pedemontana del Grappa. Nel giro di pochi chilometri è riassunto un millennio di evoluzione artistica, architettonica e storica: 4 luoghi peculiari come Asolo, Possagno, Fanzolo di Vedelago e Maser che racchiudono un patrimonio inestimabile di opere d’arte, collocate in un territorio ricco di attrattive storiche che testimoniano i momenti più importanti dell’arte veneta, dall’epoca romana al Medioevo, dal Rinascimento all’età contemporanea.

Attorno ai quattro siti si sviluppano affascinanti centri storici che offrono la possibilità di ammirare stupende ville venete, castelli, chiese e palazzi, come Villa Emo e Villa di Maser realizzata dall’architetto vicentino Andrea Palladio con gli affreschi di Paolo Veronese e di Giovan Battista Zelotti, il Barco della Regina Cornaro ad Altivole, le Mura e il Duomo di Castelfranco Veneto dove è custodita la Pala di Giorgione e l’antica Torre del Castello degli Ezzelini a San Zenone,e altro ancora. Sulla sommità del Monte Grappa, è invece visibile il monumento dedicato ai caduti delle Guerre. Inoltre il comprensorio della Pedemontana offre percorsi per effettuare passeggiate a piedi o a cavallo.

 


ASOLO

La città delle regine: caterina cornaro, eleonora duse, Freja Stark

La ridente cittadina collocata sulle colline della pedemontana conserva un ricco patrimonio di storia ed arte a partire dal I sec. A.C. quando fu Municipium romano. Le maggiori espressioni artistiche ed urbanistiche sono di età medievale con la Rocca situata sul Monte Ricco che domina la Città, il Castello detto della Regina Cornaro e le Mura che raccolgono tutto il piccolo borgo. Lungo i portici si possono ammirare splendidi edifici con facciate affrescate. Lo scrigno che raccoglie le ricche testimonianze paleovenete, romane e dei secoli successivi è il Museo civico. Collocato nel Palazzo della Ragione, suddiviso in sezioni, racconta storie e personaggi. Ecco quindi la sezione archeologica, la pinacoteca con opere di Luca Giordano, Bernardo Bellotto e Antonio Canova, la sezione di Caterina Cornaro e della sua corte, la sezione dedicata alla divina Eleonora Duse dove sono esposti costumi di scena, ritratti ed oggetti legati alla sua vita privata, la sezione dedicata alla viaggiatrice inglese Freya Stark, per finire con il Tesoro della Cattedrale.

- Museo Civico di Asolo: espone reperti preistorici, opere di Dario da Treviso, Luca Giordano, Bernardo Bellotto, Antonio Canova. Cimeli relativi alla figura della Regina Cornaro e di Eleonora Duse.
(Biglietti intero €4,00, ridotto €3,00; orario: sabato e domenica 10,00-12,00; 15,00-19,00); tel. 0423 524632 - 0423 952313.

VILLA DI MASER

Posta sulle pendici dei colli Asolani e ancora oggi circondata dai suoi vigneti, la Villa di Maser fu concepita fin dal 1550 al centro di una fiorente tenuta agricola dal grande architetto Andrea Palladio su committenza dei nobili veneziani Daniele e Marcantonio Barbaro e da allora i vini sono sempre stati elemento chiave nella vita della villa. La decorazione del piano nobile fu affidata al pittore Paolo Veronese, che vi rappresentò la celebrazione dell’armonia universale in gioco avvincente di finte architetture e richiami simbolici, e allo scultore Alessandro Vittoria che curò le statue e i rilievi a stucco di tutto l’edificio e del ninfeo. A completamento dell’opera, Palladio realizzò il Tempietto, l’unica sua chiesa in terraferma che costituisce il suo testamento artistico. Al complesso palladiano e alla cantina storica si integra una interessante collezione di carrozze d’epoca, collocata in una casa colonica immersa nel verde. Oggi la villa rappresenta uno dei capolavori dell’arte del rinascimento, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, e i suoi vini ottengono riconoscimenti a livello mondiale.

- Villa di Maser: il biglietto da accesso anche alla collezione di carrozze.
(Orari 2009: da Novembre a Febbraio: sabato e Domenica 14,30-17; Marzo, Luglio e Agosto: martedì, giovedì e sabato 10 – 18, Domenica 11 – 18; Aprile, Maggio, Giugno, Settembre e Ottobre: tutti i giorni dalle 10 alle 18, domenica e festivi 11 – 18, chiuso il lunedì. Chiuso il giorno di Pasqua e dal 24 XII al 6 I. Gruppi min 20 pax solo su appuntamento); tel. 0423 923004.

POSSAGNO

A Possagno è nato Antonio Canova (1757-1822) il protagonista indiscusso della scultura neoclassica. Il grande scultore che si era stabilito definitivamente a Roma nel 1781 è autore di capolavori oggi custoditi nelle più importanti collezioni museali del mondo. L’eredità artistica dello scultore è custodita integralmente nel complesso canoviana costituito dalla sua Casa che conserva i suoi dipinti: olii, tempere, disegni, i ritratti e le testimonianze personali e della sua attività. Nella Gipsoteca, costruita appositamente nel 1836 per volere del fratelloGiambattista Sartori Canova, sono esposti tutti i modelli originali delle sue opere, in gesso: Monumenti funebri, gruppi statuari, bassorilievi e i modellini in terracotta. Le Grazie, Amore e Psiche, la Najade, le Danzatrici sono esposte nella sezione realizzata dall’architetto veneziano Carlo Scarpa che ha collocato alcune opere del grande scultore immergendole nella luce naturale e realizzando un’esposizione museale unica. Dal centro del Paese un viale conduce al Tempio progettato e costruito dal Canova e consacrato nel 1832. E’ la chiesa parrocchiale di Possagno all’interno della quale è stata collocata la Tomba dell’artista. La pala dell’Altare maggiore rappresenta la Deposizione di Cristo dalla Croce (la Trinità) e costituisce il tributo ultimo dell’arte del grande artista.

- Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno: col Tempio costituiscono le testimonianze basilari dell’arte neoclassica.
(Biglietti intero €7,00, ridotto €5,00; orario: martedì - domenica 9,30-18,00);
Fondazione Canova onlus tel. 0423544323 - 0423920120

VILLA EMO DI FANZOLO DI VEDELAGO

La “villa” palladiana

Villa Emo è una traduzione in forme inedite e in un linguaggio nuovo ispirato all’architettura antica e costituisce, senza dubbio, un punto di arrivo fondamentale per il grande architetto vicentino.
La Villa fu commissionata a Palladio da Leonardo Emo e portata a termine tra il 1557 e il 1559, dopo la Villa Barbaro a Maser e la Villa Badoer a Fratta Polesine, con le quali condivide l'impostazione generale. La composizione del complesso è essenziale, dominata dal corpo della casa padronale, innalzata su un basamento e collegata al giardino antistante da una lunga rampa di scale; ai lati sono collocate due ali rettilinee e simmetriche di barchesse concluse da altrettante torri colombare. Il purismo del disegno è sorprendente quanto calibrato: basti guardare come le colonne esterne della loggia siano assorbite dal muro e graduano il passaggio dalla cavità in ombra alle pareti in piena luce. Alla specularità degli esterni corrisponde una decorazione interna straordinaria opera di Giovan Battista Zelotti già compagno e collaboratore di Paolo Veronese.

- Villa Emo di Fanzolo di Vedelago: esempio di villa veneta progettata e realizzata da Andrea Palladio con gli affreschi di Giovan Battista Zelotti.
(Biglietti intero €6,00, ridotto €5,00; orario: tutti i giorni 15,00-18,30; domenica anche 10,00-12,30); tel. 0423476334.

Informazioni:

Museo Civico Comune di Asolo - Via Regina Cornaro 74, 31011 Asolo
tel. 0423 524632 - 0423 952313 - www.asolo.it - e-mail museo@asolo.it

Fondazione Canova onlus - Via Canova 74, 31054 Possagno
Tel 0423544323/0423920120 - www.museocanova.it - e-mail posta@museocanova.it

Villa di Maser - via Cornuda 7, 31010 Maser
tel. 0423 923004 - www.villadimaser.it - e-mail info@villadimaser.it

Fondazione Villa Emo - Via Stazione 5, 31050 Fanzolo di Vedelago
Tel. 0423476334 - www.villaemo.org - e-mail villaemo.palladio@libero.it

scarica il depliant in.pdf

 



Copyright (C) 2011. Marcadoc.it. Tutti i diritti riservati.