Newsletter Marcadoc




Gran Concerto della Calza a Pieve di Soligo, 6 gennaio


GRAN CONCERTO DELLA CALZA

Performance speciale di Alberto Grollo per l’Epifania

Venerdi 6 gennaio 2012 - ore 18.00 - Auditorium Battistella Moccia

INGRESSO LIBERO

Il Gran Concerto della Calza promosso dal Comune di Pieve di Soligo accompagna la festa dell’Epifania, con un sorriso dolce amaro quale beneaugurante invito per un sereno 2012.
Il concerto della Calza vedra' una performance speciale di Alberto Grollo ed il gruppo "Five string quartet".
Dopo due anni e decine di concerti fatti insieme, Alberto Grollo ed il gruppo tutto femminile "Five string quartet" hanno ritenuto che fosse arrivato il momento di concretizzare il loro rapporto musicale con qualcosa di importante. L'ipotesi di un disco dal vivo è sembrata loro la più idonea per poter trasmettere quel senso di festa che si materializza nei loro concerti, nei quali mescolano senza tanto rispetto filologico una piccola orchestra di musica classica con chitarre moderne e stili molto differenti, il tutto fuso in un patchwork che avvicina musica celtica e samba, sinfonie e rock, Bach ed i Beatles. Il titolo è "Live in Shalott" con la voce straordinaria di Federica Capra che incanta sempre chiunque l'ascolti.
La precisione, gli affascinanti intrecci armonici e melodici tipici della colta musica classica si sono così intrecciati con il ritmo, l'energia, la comunicativa del rock acustico, il sentimento struggente ed evocativo della musica celtica e l'estro e l'unicità delle composizioni di Alberto Grollo.
Proprio in ossequio al titolo del disco, il primo brano si intitola "The lady of Shalott", composto dall'affascinante cantautrice canadese Loreena Mc Kennit su un poema romantico di metà ottocento del poeta inglese Alfred Tennyson, narrante la storia d'amore fra sir Lancillotto e Ginevra. Il brano viene giocato su arpeggi di chitarra, intrecci di violini e la splendida voce di Federica Capra. Il brano seguente ci porta non molto distante, in Irlanda, anche se il compositore è il veronese Massimo Bubola: un "Cielo d'Irlanda" con inizio in stile Battiato ed uno sviluppo che si avvicina alla musica country-bluegrass.
Il disco continua con un classico di Alberto, "Verso st. David's", che come altri brani che seguiranno si rifà alla sua amata cultura celtica. Segue un'arrangiamento nel quale di sicuro pochissimi si sono avventurati: "Atom heart mother" dei Pink Floyd, un'opera di classic rock datata 1970 che il chitarrista adatta a quartetto d'archi e qui l'emozione sale....
Ma, tanto per stemperare una situazione così... "impegnata", arriva "Sweet home Chicago", di Robert Johnson (ma portata alla notorietà dai Blues Brothers) e qui è bello immaginarsi queste musiciste classiche scatenarsi in un rock-blues.
Il momento forse più intenso è comunque la "Sinfonia delle Dolomiti", composta da Alberto in occasione della dichiarazione di queste splendide montagne "Patrimonio dell'Umanità" dall'Unesco: momenti solenni, arpeggi ora delicati, ora decisi, un susseguirsi di chiaro-scuri di grande atmosfera.
Da qui in poi altri brani, sempre molto coinvolgenti... da notare lo strano ed azzeccato "Patchwork", che raccoglie in circa 4 minuti la bellezza di quindici canzoni (alcune di esse famosissime) che in comune hanno lo stesso giro di accordi. Poi Beatles, Simon & Garfunkel, ancora Pink Folyd, fino all'ultima "Bouree" di Johann Sebastian Bach, che inizia in maniera impeccabilmente classica e si sviluppa alla fine in un travolgente swing... Sicuramente questo disco costituisce un passaggio fondamentale della pluriennale carriera di Alberto Grollo, ben coadiuvato dalle Five String Quartet.
Alberto accompagnato dal Five String Quartet e dall’ospite d’onore il Coro Improvvisando, riuscirà a coinvolgere e a rallegrare gli animi dei pievigini e non solo, all’insegna del vecchio broccardo ”Evviva l’Epifania che tutte le festa si porta via”.

INGRESSO LIBERO


Alberto Grollo
In vent'anni di carriera musicale il chitarrista produce molti album, due dei quali sono stati votati nei rispettivi anni di uscita (1998 e 2000) “migliore album di musica strumentale italiana dell’anno”, dalla rivista “SUONO”.I suoi brani vengono trasmessi su Alitalia, Air Lauda, Swissair ed altre linee aeree europee come musica di rilassamento durante i voli, utilizzati per sonorizzare documentari, pubblicità e per colonne sonore di film. Ha partecipato a manifestazioni fondamentali quali fra cui Festival della canzone d’autore di San Remo, Biennale-Arte di Venezia nel 2009 e Festival internazionale del cinema di Venezia nel 2006 e 2007,.al più importante festival chitarristico europeo a Issoudun in Francia, come unico italiano presente per l’anno 2003, al festival chitarristico internazionale di Nashville nel luglio 2007 e all'Istituto italiano della Cultura di Londra nel 2008, 2009 e 2010. Ha suonato in varie tournee in USA, Francia, Germania,Gran Bretagna, Slovenia e Croazia. E’ stato inserito in varie enciclopedie, fra cui “La grande guida alla musica strumentale” ed” I grandi artisti di New Age”ed in molte compilations italiane e straniere. Docente al corso di “Chitarra moderna “ presso l'Istituto musicale Benvenuti di Conegliano.

Five String Quartet
Il Quartetto d'archi denominato è composto da: Federica Capra (voce e violino), Eleonara Pavan, Giulia Galasso (violini) Giorgia Pavan (violoncello), cui si aggiunge, per l’occasione, Chiara Braghin. Di formazione classica si sono riunite inizialmente per accompagnare Alberto Grollo nella sua “Sinfonia delle Dolomiti”; hanno poi proseguito con una serie di arrangiamenti in chiave classica di brani pop ed hanno suonato in molti importanti concerti nel corso del 2010 e 2011.
Coro Improvvisando
Un gruppo di amici, che si conoscono e si frequentano per lo più dagli anni dell’adolescenza e che ancora oggi si ritrovano per il puro piacere di cantare assieme. Un repertorio eterogeneo che spazia dal sacro al profano, dai canti della tradizione dialettale veneta ai “Christmas carols” inglesi, passando attraverso canti gregoriani, canti liturgici di ispirazione contemporanea o in latino, ma anche gospel, rock sinfonico e ballate della tradizione popolare recente.Dal 2007 il Coro Improvvisando fa parte anche del Gruppo Musicale Ex Allievi del Collegio Vescovile Balbi Valier di Pieve di Soligo, con il quale ha messo in scena lo spettacolo musicale “Jesus Christ La Resurrezione” che vanta numerose repliche in varie località tra la Provincia di Treviso e quella di Padova.Nel dicembre 2008 il coro si è esibito in Trafalgar Square a Londra nell’ambito della rassegna di canti natalizi “Carol Singing in Trafalgar Square”. Negli anni recenti si è rafforzata la collaborazione con il chitarrista Alberto Grollo: con lui il Coro Improvvisando ha avuto l’onore di esibirsi in più occasioni, in particolare nei tradizionali concerti di beneficenza al Teatro Accademia di Conegliano del dicembre 2008 e 2009 e al Teatro Careni di Pieve di Soligo nel febbraio 2010. Nel maggio 2010 il Coro anima la Santa Messa dell'Ascensione del Signore presso la Basilica Inferiore di San Francesco di Assisi. Nel luglio 2010 il Coro ha accompagnato Alberto Grollo e la Folkeltic Band in concerto in Piazza Duomo a Spilimbergo (UD) in occasione del Folkest 2010, rappresentando l’Italia nell’ambito progetto “Drava, a river’s dream” promosso dall’Unesco.



Copyright (C) 2011. Marcadoc.it. Tutti i diritti riservati.