Newsletter Marcadoc




Terzo Convegno sulle Gipsoteche al Museo Canova di Possagno


Terzo Convegno sulle Gipsoteche - l'evento internazionale al Museo Canova di Possagno

Si annuncia come un evento culturale e scientifico di levatura europea il Terzo Convegno sulle Gipsoteche che si tiene a Possagno il 4 e il 5 maggio 2012 sulle vicende che hanno coinvolto i luoghi abitati e vissuti da scultori che lavorarono a partire da modelli in gesso.

Il Terzo Convegno sulle Gipsoteche vuole approfondire ed evidenziare la trasformazione di ateliers e di luoghi dove sono vissuti scultori che hanno utilizzato il gesso come materiale per la realizzazione delle opere. Trenta relatori provenienti altrettante realtà museali italiane, francesi, spagnole, svizzere e danesi relazionano nel corso delle due giornate, facendo conoscere molti scultori che hanno avuto relazioni anche con Canova.
Introducono i lavori, tra gli altri, Tomas Lochman (Presidente dell'Association Internationale pour la Conservation & Promotion du Moulage) e Giuseppe Pavanello, il grande canovista italiano, insegnante all'Università di Trieste.
Diversi ed eccezionali relatori presentano le dimore storiche dei principali artisti europei che hanno utilizzato il gesso per le loro creazioni. Solo per citarne alcuni: Stig Miss, direttore del Museum di Copenaghen parla di Berthel Thorvaldsen, Antonio Bonet Correa della Real Academia de Bellas Artes di San Fernando in Madrid presenta José Alvarez Cubero (1768-1827), Auguste Rodin (1840-1917) è introdotto da François Blanchetière del Musée Rodin di Parigi, l'opera di Antoine Bourdelle (1861-1929) è esposta da Colin Lemoine del Musée Bourdelle di Parigi, il Museo Henri Chapu (1833-1891) è introdotto da Alicia Adamczak della Sorbona di Parigi, mentre Gregoire Extermann dell'Università di Ginevra presenta le gipsoteche degli emigrati svizzeri Heinrich Max Imhof (1795-1869), Jacob Oechslin (1802-1873), Franz Sales Amlehn (1838-1917) e Paul Amlehn (1867-1931). Nella seconda giornata del Convegno, da Madrid Lucrecia Enseñat Benlliure presenta i gessi di Mariano Benlliure (1862-1947) della Gipsoteca di Crevillente (Alicante), Roberto Amador Moscardò della Soprintendenza di Valencia introduce le problematiche del recente restauro di alcune opere di Emilio Calandìn Calandìn (1870-1919) mentre Doïna Lemny rappresneta l’attività scientifica e conservativa del Centre Georges Pompidou di Parigi.

Tra gli esperti italiani, al Convegno intervengono i responsabili delle principali Gipsoteche della Penisola, un mondo ancora in buona parte sconosciuto tra gli appassionati d’arte: Chiara Celli del Museo dei Bozzetti di Pietrasanta (LU), Isabella Reale della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “A. Pizzinato”, di Pordenon, Giovanna Cassese dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, Bianca Maria Santese del Museo Pietro Canonica di Roma, Rosalba Belmondo della Gipsoteca Davide Calandra di Savigliano (CN). La Gipsoteca di Andrea Malfatti (1832-1917) di Trento viene presentata da Alessandra Tiddia del Mart, Paola Mola tratta dei materiali-copie dall’antico al Museo Medardo Rosso (1858-1928) mentre Fabio Vittucci, storico dell'arte, e Maria Fratelli, della Galleria d’Arte Moderna di Milano, discutono le Prospettive di valorizzazione degli studi d’artista come satelliti dei Musei. Rita Randolfi disserta sulla genesi della Gipsoteca di Pietro Tenerani (1789-1869) e Matteo Gardonio della Fondazione Giorgio Cini di Venezia parla del caso di Luigi Minisini (1816-1901). Tra gli interventi più attesi della Due Giorni quello di Ivano Ambrosini, della Unocad Rapid Prototiping, di Altavilla Vicentina, responsabile del recente e prestigioso restauro della Danzatrice con i cembali oggi in mostra nel Museo Canova di Possagno.

===================================

Fondazione Canova Onlus
Museo Gipsoteca Canoviana di Possagno
Via Canova, 84 31054 POSSAGNO - TV
Tel. 0423 54 43 23, Fax 0423 92 20 07
www.museocanova.it; posta@museocanova.it




Copyright (C) 2012. Marcadoc.it. Tutti i diritti riservati.